Dintorni

A pochi chilometri dall’agriturismo si trova un centro ippico e maneggio con il quale siamo convenzionati, dove è possibile seguire corsi di equitazione rivolti a tutte le età (a partire dai 4 anni) e fare passeggiate a cavallo alla scoperta del territorio marchigiano seguiti da istruttori professionisti del settore.

Nelle vicinanze troverete inoltre campi da tennis, percorsi trekking e itinerari per escursioni in bicicletta con una guida specializzata e che possono prevedere anche visite a cantine, frantoi, birrifici, farroteche e mielerie per degustazioni di prodotti tipici locali. Nei dintorni si trovano anche numerose osterie e ristoranti caratteristici dove gustare i piatti tradizionali della regione (con quelli convenzionati con noi potrete usufruire di uno sconto del 10%).

Il territorio

Situato nel cuore delle Marche, l’Agriturismo Miralbello è immerso nella Valle del Cesano, territorio in cui sono presenti le tracce di una storia assai ricca. La posizione strategica di cui gode l’Agriturismo permette di raggiungere facilmente le principali mete turistiche della regione.

Nelle immediate vicinanze è possibile visitare gli scavi archeologici della Città di Suasa, il caratteristico borgo di Montalfoglio a San Lorenzo in Campo e la città di Pergola, ove ha sede il Museo dei Bronzi Dorati, e da cui è possibile raggiungere in poco tempo lo splendido complesso del Monastero camaldolese di Fonte Avellana, citato nella Divina Commedia da Dante.

L’Agriturismo si trova inoltre a pochi chilometri da alcuni dei borghi storici annoverati tra i più belli d’Italia come Corinaldo, MondavioMondolfo e SassoferratoArcevia e i suoi caratteristici nove castelli (Avacelli, Castiglioni, Caudino, Loretello, Montale, Nidastore, Palazzo, Piticchio, San Pietro), il territorio della Vallesina e i Castelli di Jesi (zona celebre per il Verdicchio dei Castelli di Jesi, uno dei più grandi vitigni autoctoni d’Italia).

Sono luoghi appartenenti ad un’altra dimensione, che rimandano ad una vita in equilibrio con i ritmi naturali delle stagioni e in armonia con la natura, luoghi di storia e tradizione, di relazione con uno spazio e un tempo a misura d’uomo.

Facendo qualche chilometro in più è possibile raggiungere città d’arte come FabrianoGubbioUrbino e il suo centro storico patrimonio dell’UNESCO, Gradara e la sua Rocca, FanoPesaro e il Parco Regionale del Monte San Bartolo con falesie a strapiombo, sottili spiagge di ghiaie e ciottoli e suggestive strade panoramiche attraverso cui raggiungere antichi borghi come Casteldimezzo e Fiorenzuola di Focara.

Trovandoci a pochi chilometri dalla costa adriatica si può raggiungere facilmente anche Senigallia e la sua famosa spiaggia di velluto, con un lungo mare di sabbia finissima caratterizzato sia da spiaggia libera che dalla presenza di numerosi stabilimenti balneari attrezzati, e un centro storico elegante e pieno di vicoletti da scoprire; oltre ai tantissimi negozi, alle botteghe, ai ristoranti ed ai bar, le viuzze della città nascondono infatti piccoli tesori di architettura, piazze, musei e chiese.

Poco più a sud si raggiungono Ancona e la Riviera del Conero, promotorio a picco sul mare ricco di insenature e piccole spiagge rocciose o sassose e acqua cristallina. Il territorio è protetto dal Parco regionale del Conero e comprende le località balneari di Portonovo, Sirolo e Numana; la presenza dei boschi direttamente a contatto con la spiaggia, unitamente ai panorami aperti verso la mole maestosa del Conero, costituiscono una grande attrattiva della zona. Da li è possibile visitare anche Camerano con il vasto complesso di grotte che si sviluppa sotto il paese, e Loreto con il più grande Santuario Mariano d’Italia, uno dei luoghi di pellegrinaggio tra i più importanti del mondo cattolico.

Se preferite la maestosità della natura, il patrimonio naturalistico marchigiano è imponente: oltre al Monte Conero e al Monte San Bartolo, parchi regionali come i Monti Sibillini e la Gola della Rossa e di Frasassi, e riserve naturali come la Gola del Furlo e il Monte San Vicino vi daranno un quadro completo del paesaggio regionale.

Tra le attrazioni naturalistiche nelle vicinanze si trovano il Monte Catria, le Grotte di Frasassi, grotte carsiche sotterranee di straordinario valore ambientale-paesaggistico all’interno del Parco naturale regionale della Gola della Rossa nel comune di Genga, dove sorge anche lo storico stabilimento termale di San Vittore in cui è possibile effettuare trattamenti curativi ed estetici, e la Riserva Naturale della Gola del Furlo, un autentico paradiso attraversato dal fiume che si insinua tra le imponenti pareti rocciose della Gola dove la suggestione del paesaggio si unisce a una prodigiosa ricchezza naturalistica.

Oltre a numerosi sentieri escursionistici segnalati visitabili anche con Guide Naturalistiche, i più avventurosi possono cimentarsi in diverse attività (cicloturismo e mountain bike, equitazione, alpinismo, arrampicata sportiva, speleologia, parchi avventura e in alcuni periodi dell’anno anche canoa e rafting). Per i più piccoli anche parchi giochi tematici, attività didattiche e laboratori creativi e naturalistici.

Feste e manifestazioni

Le Marche sono ricche di feste tipiche e grandi eventi culturali e gastronomici famosi a livello nazionale e internazionale.

In estate il CaterRaduno (giugno-luglio), il festival Summer Jamboree (agosto), lo spettacolo pirotecnico sul mare e la Fiera di Sant’ Agostino (fine agosto) e Pane Nostrum (settembre) a Senigallia; il Rossini Opera Festival (agosto) e il Pesaro Film Festival (giugno) a Pesaro; lo storico Palio dell’Oca a Cagli (agosto); il Monsano Folk Festival (agosto), il Festival Pergolesi Spontini (settembre) e la Fiera di San Settimio (settembre) a Jesi; la Festa della Cipolla a Castelleone di Suasa (settembre); il mercato regionale del tartufo nero e altro ancora.

In primavera la rievocazione storica del Palio di San Floriano (prima settimana di maggio) a Jesi; la Festa dei Folli a Corinaldo (aprile), la Fiera di San Ciriaco ad Ancona (aprile/maggio).

In autunno e in inverno è possibile visitare il Festival Internazionale “Adriatico Mediterraneo” ad Ancona (ottobre), la Festa delle Streghe a Corinaldo (fine ottobre), la Fiera Nazionale del Tartufo Bianco di Acqualagna e Pergola (ottobre/novembre), la Festa della Cicerchia a Serra de’ Conti (novembre), il Carnevale di Fano, il più antico d’Italia (febbraio/marzo).

Enogastronomia

Non possiamo mancare l’incontro coi prodotti del territorio tra i quali ricordiamo il miele e l’olio di Corinaldo, le cipolle di Castellone di Suasa, la crescia di San Lorenzo in Campo e Frontone, i vini dolci di visciola, il tarfufo pregiato, i formaggi e i vini di Pergola.

Se preferite la cucina gourmet a Senigallia è possibile vivere un’esperienza indimenticabile nei due ristoranti 2 stelle Michelin, la “Madonnina del Pescatore” dello chef  Moreno Cedroni e “Uliassi” dello chef Mauro Uliassi.